By

Leggendarianews; Notizie e Appuntamenti

Eccovi alcune segnalazioni di cui prendere accurata nota sulla vostra agenda:

• La V edizione della Scuola politica BE FREE si terrà quest’anno a Roma, nella sede della Casa Internazionale delle Donne (via della Lungara, 19) tra il 28 agosto e il 1 settembre 2015.

• Il Convegno internazionale della Società Italiana delle Letterate si terrà a Firenze tra il 13 e il 15 novembre 2015. Il convegno, che segna il ventennale della SIL, ha per titolo “Conflitti e rivoluzioni: scritture della complessità”

 

By

LEGGENDARIA N. 111/2015

← La Copertina  |  Leggi il Sommario →

Afro: prefisso che si coniuga con altre specificazioni, geografiche o nazionali, per indicare persone o comunità discendenti da coloro che la tratta degli schiavi strappò dall’Africa per portarli/e altrove, prevalentemente nel continente americano (nord, centro, sud). Come si chiamano, o vengono chiamate, le persone che più recentemente sono arrivate dall’Africa in Europa? A seguito del processo di decolonizzazione in Gran Bretagna, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio – tutte ex potenze coloniali; come effetto della globalizzazione, delle crescenti disparità e dei conflitti armati anche in tutti gli altri Paesi europei, compresa l’Italia. Immigrati, clandestini, rifugiati nei casi migliori, senza troppo distinguere sulla loro provenienza. “Afrodiscendenti”, secondo le Nazioni Unite, che ha adottato un termine apparentemente più “neutro” – inizialmente soprattutto auto-nominazione di molte comunità in centro e sud America. Restano – e sembrano crescere – da noi e altrove, fenomeni di razzismo che utilizzano stereotipi profondamente radicati e rappresentazioni del “black body” che vengono da assai lontano. Resta – ed è destinata a crescere – la necessità, l’urgenza, di pensare criticamente e di cominciare a praticare una democrazia “post-coloniale” che sia in grado non solo di fornire modelli di possibili convivenze ma di immaginare le “intersezioni” tra molteplici differenze. Avviamo il discorso con un articolo di Alessandra Riccio sul perdurante razzismo nei confronti degli afrodiscendenti e una messa a fuoco della ricezione in Italia dell’opera di Audre Lorde.

La copertina di questa Leggendaria è dedicata a Tamara de Lempicka, straordinaria artista dal tratto inconfondibile di cui però una bella mostra a Torino mostra anche gli aspetti più intimi e meno noti. Ma parliamo anche della mostra su Henri Matisse in corso a Roma e di quella che si è appena chiusa a Sassari su tre artiste autodidatte ma assai creative: le sorelle Altara. Per il cinema, abbiamo scelto l’ultimo film di Nanni Moretti e Vergine giurata dell’esordiente Laura Bispuri.

In Primopiano e Letture c’è solo l’imbarazzo della scelta: vi segnaliamo, tra gli altri, l’articolo d Laura Levi su Leopardi bambino, un percorso di Ivana Rinaldi tra i testi di alcune eccezionali cuoche, una mini-antologia delle poesie della scrittrice pacifista Eleonor Wilner (Fiorenza Mormile), un profilo della vita e delle opere di Antonia Pozzi (Luciana Tavernini), una riflessione sulla pedofilia a partire da un testo di Annie Leclerc (Barbara Mapelli), una messa a punto della più recente produzione sulla violenza maschile (Enzo Palmisciano) e un appassionato e appassionante invito alla lettura di Joyce Carol Oates.

Buone notizie infine dalle nostre TerreMutate: le aquilane hanno ottenuto finalmente una bella sede provvisoria – e l’impegno per quella definitiva – per la loro Casa delle Donne e ci invitano tutte a discuterne e festeggiare il 27 e 28 giugno prossimi.

Buona lettura!

← La Copertina  |  Leggi il Sommario →

By

LEGGENDARIA N.111/2015

← Leggi l’editoriale

APERTURA Afrodiscendenti: L’orrore del passato nella memoria e nel presente (Alessandra Riccio, p.06) – Audre Lorde: Strumenti per una democrazia radicale e postcoloniale (Giovanna Covi, p.08).

A/MARGINE Cinema: Stare accanto (Daniela Matronola, p.14); La storia di Hana che vive due vite  (Emma Rolla, p.16) – Arte: L’arabesco e il colore di Henri Matisse  (Patrizia Larese, p.17 ); Tre sorelle creative  (Irene Melis, p.18) – Meret Hoppenheim: Biografia di un’artista  (Cristina Giudice, p.19).

PRATICHE Seminari: C’è del nuovo nella Chiesa, e avanza (Marilena Menicucci, p.21).

PRIMOPIANO Cibo: Cuoche ribelli (Ivana Rinaldi, p.23) – Maria Pia Quintavalla: Le schegge acuminate del ricordo (Maria Clelia Cardona, p.26) – Giacomo Leopardi: Il bambino favoloso (Laura Levi, p.27) – Sandra Burchi: È il precariato, bellezza! (Barbara Bonomi Romagnoli, p.30) – Eleanor Wilner: Una turista nell’inferno della Storia (Fiorenza Mormile, p.32) – Elizabeth Von Arnim: In due sul transatlantico (Paola Bono, p.36) – Antonia Pozzi: Un inestricabile intreccio tra vita e opere (Luciana Tavernini, p.37) – Latinoamerica: Se il Continente invisibile prende la parola (Emanuela Jossa, p.40) – Violenza: A che punto è la questione maschile? (Enzo Palmisciano, p.42) – Annie Leclerc: L’impensabile genera l’indicibile (Barbara Mapelli, p.44) – Joyce Carol Oates: Una doppia Oates, tra il gotico e il ring (Maria Vittoria Vittori, p.46).

LETTURE Marcella Delle Donne: Minoranza nella minoranza (Maria Vittoria Vittori, p.48) – Claudia von Werlhof: Il pianeta a rischio (Maria Grazia Pelaia, p.48) – Isabella Borghese: Uomini senza volto di Nadia Tarantini, p.49) – Annemarie Schwarzenbach: Tremori emotivi (Alida Airaghi, p.49) – Nadia Cavalera: La proposta di umafeminità (Carmen Matarazzo, p.50) – Katia Brentani: Diverso tra diversi (Anna Mainardi, p.50) – Laura Barile: Poesie da seguire col corpo (Alida Airaghi, p.51) – Antonella Doria: All’origine della parola (Giuliano Capecelatro, p.52) – Simona Sparaco: Una lunga solitudine (Anna Mainardi, p.52) – Zadie Smith: A colpi di badminton (Alida Airaghi, p.52) – Floriana Coppola: Ritratti di donne in un condominio (Marina Vitale, p.53) – Annamaria De Pietro: Laboratorio di esplorazione esistenziale (Alida Airaghi, p.54) – Iréne Nemirovsky: Donna in gabbia (Alida Airaghi, p.54) – Maria Paola Canozzi: Basta con la caccia (Alida Airaghi, p.54).

TERREMUTATE La Casa: La tenacia paga, assegnata la sede (N. T., p.56); Staffetta a Napoli (p.57); 3 milioni di euro tutti per la Casa (p.57); 28 giugno 2015, una Casa tutta per noi! (p.57).

UNDER-15 Lettura: Ad alta voce (Cinzia Gubini, p.58).

LETTURE a cura di Sara Bennet: Amate mucche (p.58); Un furto al Louvre (p.59); Una bimba-gatto a Trieste (p.59); Che fatica essere un Principe! (p.59).

RUBRICHE Top Five (Sara Bennet, p.55) – News & buone notizie (Giulia Crispino, p.62) – Le nostre Leggendarie Madrine (p.61) – Campagna abbonamenti 2015 (p.64) – Elenco Librerie (p.66).

ABSTRACTS vai su/go to>>> www.leggendaria.it

← Leggi l’editoriale

By

LEGGENDARIA N. 111/2015

AFRO

N. 111, MAGGIO 2015, 68 PAGINE, 10 EURO

Audre Lorde – Annie Leclerc – Eleanor Wilner – Elizabeth von Arnim – Joyce Carol Oates – Antonia Pozzi – Sandra Burchi – Maria Pia Quintavalla – Giacomo Leopardi – Latinoamerica – Violenza – Cibo

Legg.111-2015 Cover

Afro: prefisso che si coniuga con altre specificazioni, geografiche o nazionali, per indicare persone o comunità discendenti da coloro che la tratta degli schiavi strappò dall’Africa per portarli/e altrove, prevalentemente nel continente americano (nord, centro, sud). Come si chiamano, o vengono chiamate, le persone che più recentemente sono arrivate dall’Africa in Europa?  …

 Leggi l’editoriale e il sommario

 

Acquista questo numero onlinecarrello

(nella pagina del pagamento che si apre clicca su ‘continua’ sopra i loghi delle carte di credito)

By

APPUNTAMENTI DI MAGGIO

Car* tutt*, ci aspetta davvero un maggio leggendario! Presentiamo alla discussione il nostro numero 110 – in particolare l’ampio “Tema” d’apertura curato da Luciana Di Mauro e Silvia Neonato – in quattro appuntamenti a Roma, Genova, Milano e Trieste (Napoli e Ravenna seguiranno a settembre, dato che l’argomento scuola e dintorni è di grande interesse per moltissim*). Poi vi segnaliamo tre iniziative per presentare un libro cui siamo particolarmente affezionate: Le lettere del mio nome di Grazia Livi, che pubblicato da La Tartaruga nel 1991, era ormai introvabile e ora torna nelle librerie in una nuova edizione curata da Anna Maria Crispino per la Iacobelli edizioni con una postfazione di Liliana Rampello.

Eccovi il calendario, vi aspettiamo

> ROMA – martedì 12 maggio 2015, ore 17:30 – sala “Simonetta Tosi” Casa Internazionale delle donne – via della Lungara 19

In occasione dell’uscita del n. 110 di Leggendaria “Scuola: è guerra sul Gender” ne discutiamo con Stefano Ciccone (maschile Plurale), Celeste Costantino (deputata SEL), Graziella Priulla (docente Univ. Di Catania), Monica Pasquino (presidente Scosse), Marinella Perroni (Coord. Teologhe) – coordina Francesca Koch (presidente Casa Internazionale delle Donne. Saranno presenti Luciana Di Mauro e Anna Maria Crispino della redazione di Leggendaria. Info@leggendaria.it

 > GENOVA – venerdì 15 maggio 2015, ore 17:30 – c/o Biblioteca civica “Berio”, sala dei Chierici – via del Seminario 16

“Penelope e gli altri. Eroine ed eroi. Resistenze e paure: la guerra sul gender a scuola” – Bia Sarasini (Sil e Leggendaria), Rita Falachi (Rete di Donne per la Politica), Cristiana Ricci (Formazione Camera del Lavoro Genova), Claudio Tosi (Arcigay), Marina Gianfranceschi (Usciamo dal silenzio), Loredana de Paoli (Spa Politiche di donne), Emilia Marasco (scrittrice), Stefania Gori (AGEDO) discutono del n.110 di Leggendaria e del volume “Epiche” curato da Paola Bono e Bia Sarasini (Iacobelli editore 2014). Coordina Silvia Neonato (Sil e Leggendaria).

 > MILANO – martedì 19 maggio 2015, ore 18:00 – Casa delle Donne – via Marsala 8

“Anatema sul gender: la scuola sotto tiro”: a partire dal n. 110 di Leggendaria, tavola rotonda con Eleonora Cirant, Alessandra Ghimenti, Alessio Miceli, Silvia Neonato, Giovanna Pezzuoli, Giorgia Serughetti. Introduce e coordina Grazia Longoni (Casa delle Donne di Milano) info: ufficio stampa@casadonnemilano.it

 >TRIESTE – giovedì 21 maggio 2015, ore 17:30 – Casa Internazionale delle Donne Trieste – via Pisoni, 3

“Anatema sul Gender: la scuola sotto tiro” – A partire dal n. 110 di Leggendaria, dibattito con Silvia Neonato (Leggendaria), Antonella Grim (Assessora Educazione, Scuola, Univ. e ricerca Comune di Trieste), Michela D’Andri (coord. Pedagogica servizi educativi, Comune di Trieste), Grazia Appollonio e Michela Ulcigrai (Ass. Goap Centro Antiviolenza di Trieste) e Benedetta Gargiulo, Daniela Paci e Lucia Beltramini (autrici de “Il gioco del rispetto”). Coordina Gabriella Musetti (Sil e Cid Trieste). www.casainternazionaledonnetrieste.org

 ——————  ——————

 > MILANO –venerdì 15 maggio 2015, ore 18:30 – Casa delle Donne – via Marsala, 8

“Per ricordare Grazia Livi” parleranno di lei: Marisa Bulgheroni, Laura Lepetit, Maria Nadotti, Oliviero Ponte Di Pino, Lilli Rampello, Paola Radaelli – coordina Francesca Amoni (Casa delle Donne di Milano), letture di Anna Nogara. Nel corso della serata verranno proiettati alcuni brani dell’intervista-documentario “La scrittura paziente” (regia Eleonora Ievolella, 2012).

 > PESCARA – giovedì 21 maggio 2015, ore 17:30

Nell’ambito del ciclo di incontri “Le parole delle donne”, a cura dell’Associazione Centro di Cultura delle Donne “Margaret Fuller” e dell’Associazione antiviolenza donne “Ananke”, in collaborazione con l’Agenzia per la promozione culturale Biblioteca “F. Di Giampaolo” si terrà presso la sede della Biblioteca, via Tiburtina 97, la presentazione de “Le lettere del mio nome” di Grazia Livi (nuova edizione, Iacobelli 2015 – postfazione di Lilli Rampello). Ne parlano Anna Maria Crispino (direttora di Leggendaria ed editor Iacobelli editore) e Maristella Lippolis (scrittrice e presidente del centro Margaret Fuller).

 > VERONA – mercoledì 27 maggio, ore 17:30 – Sala Montanari – piazza Scalette Rubiani 1

Paola Azzolini, Liliana Rampello e Anna Maria Crispino presentano “Le lettere del mio nome” di Grazia Livi (nuova edizione, Iacobelli editore 2015, con una postfazione di Liliana Rampello). Verrà presentato anche il dvd “La scrittura paziente”, video-intervista di Maria Nadotti a Grazia Livi, regia di Eleonora Ievolella (promosso dal Circolo della Rosa di Verona).