By

LEGGENDARIA N. 112/2015

← La Copertina  |  Leggi il Sommario →

Neapolitan: napoletano/napoletana ma anche “di”, “da”, “su” Napoli: di questo parliamo nel nostro corposo Tema, vale a dire di una città e di chi la racconta. Scritture diverse, modalità differenti, a volte ossimoriche. Perché Napoli è una città-mondo che non ce la fa a tenere sotto un’unica etichetta il molto, a volte il troppo che produce: realtà e finzione, mito e miserie, immagini, gesti, percorsi ma anche illusioni, abbagli, vicoli ciechi. Leggere il neapolitan può sembrare semplice ma non lo è: la città con le sue stratificazioni, i suoi interstizi, il sotto e il sopra, la luce e l’ombra, la razionalità e il mistero, è la rappresentazione quasi paradigmatica della complessità metropolitana e post-post-moderna. E dunque anche nel nostro Tema – curato da Anna Maria Crispino e Maria Vittoria Vittori – i molti fili si intrecciano, i personaggi/le personagge cambiano nomi e volti, i luoghi si moltiplicano.

Dedichiamo lo Speciale “Thrillerosa” confezionato da Nadia Tarantini a chi ama il giallo e il noir, perché non c’è stagione come l’estate per prendersi il tempo di leggere fino a tardi – e di godere dei brividi! Introduciamo poi da questo numero una nuova sezione, Ritratti, e l’esordio è affidato a Laura Levi che ci racconta una straordinaria artista romana, Leonetta Marcotulli. Mentre sotto l’occhiello Pratiche, trovate un Dossier sulla questione “Gender” che riprende le questioni discusse nel nostro numero di marzo (“Scuola, è guerra sul gender”, n. 109/2015) per aggiornare il quadro della situazione e rilanciare l’argomento in vista dell’iniziativa di Scosse “Educare alle differenze 2” (a Roma, 19 e 20 settembre) di cui siamo orgogliose media partner.

Infine, alla sezione Primopiano, vi segnaliamo il lungo, documentato articolo che Zuzanna Krasnopolska dedica a un personaggio molto noto a chi si occupa di pedagogia ma che in Polonia è una figura conosciuta da tutti fin dall’infanzia: il dottor Janusz Korczak. A. C. Quarello ne ha raccontato la storia per immagini in un bel libro di Orecchio acerbo. E nello stesso blocco di pagine, trovate un’intervista a Cristiana Girelli, attaccante della Nazionale di calcio femminile, che denuncia le perduranti discriminazioni di cui soffrono le donne che si dedicano allo sport.

Letture, TopFive, Under-15 e TerreMutate, completano il menu di questo fascicolo che vi farà compagnia in questi mesi estivi mentre noi lavoriamo al numero di (fine) settembre.

Buona lettura!

← La Copertina  |  Leggi il Sommario →

By

LEGGENDARIA N.112/2015

← Leggi l’editoriale

APERTURA Neapolitan a cura di Anna Maria Crispino e Maria Vittoria Vittori

Una scandalosa creatività (Titti Marrone, p.6); Neapolitan ( Anna Maria Crispino e Maria Vittoria Vittori, p.7); Capitale degli ossimori (Maria Vittoria Vittori, p.8); Vedi Napoli e poi scrivi (M.V.V., p.11); Tra Itaca e i bassi (M.V.V., p.13); I luoghi di Elena (S. Be., p.14) – Valeria Parrella: L’audacia di una sfida (Maria Serena Palieri, p.15) – Carmen Pellegrino: Nella vita, nella morte e nella memoria (Daniela Matronola , p.16) – Anna Correale: Il flusso vitale delle parole (Stefania Tarantino, p.17) – Patrizia Rinaldi: Nei labirinti del crimine, e delle menti (Anna Maria Crispino, p.18); Nel salotto di Patty (Bianca Fasano, p.19) – Newneapolitans: Suggestioni metro(na)politane (Donatella Trotta, p.20) – L’immaginario: Napoli, il teatro, la morte (Costanza Boccardo, p.23); Dal Mito all’acquarello, fino alla cartolina (Giuliano Capecelatro, p.25); La mia Partenope (Giovanna Mozzillo, p.27) – Maria Bakunin: Un talento visionario (Elisabetta Strickland, p.29) – Francesca Spada: Le vite delle altre (Edda Melon, p.31); Una strada per Francesca (Giuliana Cacciapuoti, p.34).

SPECIALE Thrillerosa: Non sono due signore (Nadia Tarantini , p.36); Molto pepe e poco thriller nel debutto di Katharina di N. T., p.38); Feroce intuito femminile (N. T., p.38); Svedesi in TV (S. Be., p.38); Thriller dell’anima in salsa spagnola (Nadia Tarantini, p.39).

PRATICHE Dossier Gender: Un altro genere di formazione, p.41); La morale della favola (Emma Rolla, p.42); Qual è la posta in gioco (Giorgia Serughetti, p.43); Serve un’apertura alla pluralità (Barbara Mapelli, p.44); Identità fragili e precarie (Stefano Ciccone, p.46); Sulla “Teoria del gender” intervista a Judith Butler, p.48); Educare ad affetti e differenze (Giovanna Covi e Lisa Marchi, p.49).

A/MARGINE Florence Henri: Cosmopolita e libera (Patrizia Larese, p.51) – Mostre: Chagall “Love and Life” (Patrizia Larese, p.53).

RITRATTI Leonetta Marcotulli: Sconclusionata assai (Laura Levi, p.54);

TERRE MUTATE Una Casa per il mondo (Maria Rosaria La Morgia, p.56); E ora apriamo i Cantieri! (N. T., p.57).

PRIMOPIANO Janusz Korczak: Il re e mago dei bambini (Zuzanna Krasnopolska, p.59) – Penelope Fitzgerald: Come le maree del Tamigi (Bianca Tarozzi, p.63) – Wanda Tommasi: Attualità della mistica (Alida Airaghi, p.66) – Sport: I professionisti e le dilettanti (Monica Pasquino e Maria Vittoria Rambaldi, p.67).

LETTURE Autobiografie: Il racconto di Leonard Woolf (Alida Airaghi, p.70) – Olga Grjasnowa: Presunta essenza russa (Maria Vittoria Vittori, p.70) – Jorge Diaz: Romanzo popolare con Re e bambina (Anna Mainardi, p.71) – B. Garlaschelli / F. R. Capone: Il corpo in bilico di Anna Maria Crispino, p.72) – Antonio Fusco: Le sfide di Casabona (Sara Bennet, p.72) – Marco Lombardi: Il film è servito (Emma Rolla, p.73) – Cristina Guarducci: Amabili mostri (Maria Vittoria Vittori, p.73) – Claudia Hernandez: Humor nerissimo (Alessandra Riccio, p.73) – Claire Messud: Unite ma sconosciute (A.M.C., p.74) – Anna De Simone: Stanze vissute (Alida Airaghi, p.75).

UNDER-15 Giovani nella resistenza in Norvegia (Anna Mainardi, p.76)

LETTURE a cura di Sara Bennet: Casa eco per gioco!, (p.77); Il genio Leonardo, (p.77); La balena per amica, (p.77);

RUBRICHE Top Five (Monica Luongo, p.75) – News (Giulia Crispino, p.78) – Campagna abbonamenti 2015 (p.80) – Le nostre Madrine (p.82)

← Leggi l’editoriale

By

LEGGENDARIA N. 112/2015

NEAPOLITAN

LUGLIO 2015, 84 PAGINE, 10 EURO

 

Legg.112-2015 Cover

Speciale / Thrillerosa

Pratiche / Dossier Gender

Neapolitan: napoletano/napoletana ma anche “di”, “da”, “su” Napoli: di questo parliamo nel nostro corposo Tema, vale a dire di una città e di chi la racconta. Scritture diverse, modalità differenti, a volte ossimoriche. Perché Napoli è una città-mondo che non ce la fa a tenere sotto un’unica etichetta il molto, a volte il troppo che produce: realtà e finzione, mito e miserie, immagini, gesti, percorsi ma anche illusioni, abbagli, vicoli ciechi …

Leggi l’editoriale e il sommario →

 

Acquista questo numero onlinecarrello

(nella pagina del pagamento che si apre clicca su ‘continua’ sopra i loghi delle carte di credito)