By

TEMA / LA QUESTIONE

 

Migrazioni Miniatura

di B.S.

L’estate del 2015 rimarrà nel ricordo come quella in cui gli abitanti dell’Europa compresero che i migranti non li avrebbero più abbandonati. La fila che si ingrossava sempre più, visibile perfino dal satellite, che passo dopo passo si avvicinava a un confine e che quando era respinta ripassava a un altro, ma non spariva, anzi prendeva le bandiere dell’Europa e chiedeva attenzione, non si può dimenticare. Sempre in quell’estate appena alle nostre spalle fu chiaro che bisognava pensarci su, sui migranti, che la questione non si risolveva con le chiacchiere con le colf e le badanti che sono nelle nostre case. E neppure con la solidarietà di cuore, con i buoni sentimenti. Che non solo era una questione politica, ma ci voleva una politica. Non che non si sapesse, ma si lasciava correre. Non certo dalle parti di Salvini, o di Marine Le Pen, come di tutti i partiti europei di estrema destra che sull’odio per gli stranieri hanno costruito la loro fortuna. Uno di loro ha appena vinto le elezioni, in Polonia. Farà buona compagnia all’Ungheria di Viktor Orban.

Insomma, volevamo parlarne, noi di Leggendaria. Ci siamo prese il lusso di non parlare di donne, per una volta. Abbiamo guardato la questione nel suo insieme. Proponiamo quindi un quadro di riferimento. Soprattutto abbiamo scelto di raccontare storie. Di ascoltarle. Non si dovrebbe mai dimenticare, qualunque sia l’età, le condizioni, la provenienza, che i migranti sono persone che hanno subito una perdita. Hanno lasciato tutto. La casa, gli affetti, l’origine. Di solito è più facile non pensarci. E abbiamo scelto di dire di quella rete di attività, progetti, soluzioni che sono vive in tutta Italia. Luoghi come il Baobab a Roma, che in totale solitudine, sulla base di puro volontariato, ha fornito assistenza e accoglienza in questi mesi in una città diffidente, provata dalle rivelazioni di Mafia Capitale, che mostrano come anche le cooperative sociali possano essere fonte di corruzione e arricchimento. I migranti, le migranti entrano nelle nostre case, nelle nostre vite. Non sempre ci si capisce, ma è sempre possibile riprovarci.

By

LEGGENDARIA N. 114/2015

MIGRAZIONI

← La Copertina | Leggi il Sommario →

Nel clima delle feste di Fine Anno, la copertina di questa Leggendaria potrà forse apparire come un pugno nello stomaco: l’annegamento di tanti migranti nel Mediterraneo – nelle acque dell’Egeo tra Turchia e Grecia o sulle rotte che partono dal Nord Africa – ha assunto ormai una dimensione così drammatica da poter fare legittimamente un paragone con la tragedia dei desaparecidos. Parliamo anche di questo nel nostro “Tema”, curato da Bia Sarasini, e di quelle decine di migliaia di uomini donne e bambini che sono accampati al freddo o chiusi in centri di detenzione lungo i confini balcanici della traballante Fortezza Europa. Ma allo stesso tempo vi raccontiamo di alcune delle molte iniziative di accoglienza organizzate dal basso nelle città italiane – e non solo. Dei migranti non possiamo non parlare, perché si tratta di una questione epocale che ci riguarda tutte/i: un fenomeno che destabilizza le nostre certezze, i modi di vita cui siamo abituate/i, e ci chiede un di più di analisi e interpretazione, di immaginazione sul nostro futuro e di politiche all’altezza della fase complessa che stiamo vivendo. Tenendo il più possibile insieme il grande scenario geo-politico di cui gli attentati del 13 novembre a Parigi ci hanno costretto a prendere definitivamente atto e il nesso diretto e inscindibile tra guerre e migrazioni. Ma anche pensando a come sia necessario assumersi e attraversare le nostre paure senza consegnarci – col cuore e con la mente – ai demagoghi delle destre che affollano l’Europa. Il “Tema” che vi proponiamo è fatto dunque di molti tasselli, ognuno dei quali andrà ulteriormente approfondito: perché, ad esempio, l’irruzione della guerra scatenata dal Califfato in Africa e sullo scacchiere medio-orientale ci chiede anche di ripensare al tema della violenza armata, della guerra. La profuga, la terrorista, la guerrigliera sono solo alcune delle molteplici “figure” con cui misurarsi.

Parliamo degli esiti del recente Sinodo sulla famiglia che ha, tra l’altro, confermato la chiusura della Chiesa cattolica sull’omosessualità e rilanciato l’anatema sulla cosiddetta “ideologia del gender” – ma se andate alle pagine di Under-15 troverete invece delle belle notizie sull’impegno di alcune case editrici per bambini/e ragazzi/e che delle tematiche che riguardo l’educazione ai sentimenti, alle differenze, alla sessualità e contro gli stereotipi hanno fatto il perno delle loro pubblicazioni. Un’altra buonissima notizia potrete leggerla nelle pagine di TerreMutate: le aquilane hanno finalmente ottenuto e inaugurato con una grande festa la loro Casa delle Donne! È il risultato di una lunga, intelligente, efficace battaglia cui Leggendaria ha fornito tutto il suo appoggio e ne siamo dunque felicissime.

Donne straordinarie abitano le nostre pagine: da Judith Butler a Vandana Shiva, da Clarice Lispector a Anna Felder, da Dacia Maraini a Romana Petri e Saveria Chemotti, Bianca Pitzorno, Francesca d’Aloja. E non perdetevi le molte artiste che animano una stagione particolarmente frizzante per l’arte firmata donna.

Ma vi chiediamo di leggere con particolare attenzione le pagine dedicate alla Campagna Abbonamenti 2016: stiamo per compiere 20 anni di Leggendaria, creatura impavida che ha già fatto un lungo cammino, contro ogni pronostico. Per andare avanti ha bisogno del vostro sostegno: voi lettrici e lettori siete il nostro unico “capitale”.

Buona lettura dunque e buone Feste!

← La Copertina | Leggi il Sommario →

By

LEGGENDARIA N.114/2015

← Leggi l’editoriale

TEMA / MIGRAZIONI:

a cura di Bia Sarasini

LA QUESTIONE

di B.S. … pag. 6

MIGRAZIONI

  • Chi emigra bussa alle porte di un’Europa in bilico di Bia Sarasini … pag. 6
  • Europa, dai Balcani una dura lezione di Raffaella Bolini … pag. 10
  • Italia, paese di desaparecidos di Nathalie Galesne e Federica Araco … pag. 12
  • Mari e deserti da attraversare di A. M. C. … pag. 14
  • Le madri del Mediterraneo di Giovanna Pezzuoli … pag. 15

ACCOGLIENZA

  • Ascoltare le storie di chi chiede asilo di Giovanna Pezzuoli … pag. 17
  • Se al Sud i rifugiati diventano una risorsa di Luigi Pandolfi … pag. 18
  • A Modena, 24 ragazzi, tre racconti, un’unica storia di G. P. … pag. 19
  • Carità pelosa di Antonella Viale … pag. 19
  • Diario da un’insolita Pordenone di Michele Negro … pag. 20

SCENARI

  • La difficile transizione di Tim Rollins … pag. 24
  • Babelmed, tra le due rive di Cristiana Scoppa … pag. 27

MEMORIA

  • Il miraggio degli albanesi di Silvia Neonato … pag. 28

SCRITTURE

  • Lampedusa nel cuore di Sara Bennet … pag. 30

GUERRIERE

  • Le Amazzoni, antenate delle odierne curde combattenti di Luisella Veroli … pag. 31
  • Ragazze in armi di Monica Luongo … pag. 32

TERREMUTATE:

LA CASA

  • Prima non c’era, adesso c’è di Maria Rosaria La Morgia … pag. 36
  • È qui la festa? Tante presenze, progetti e proposte per la Casa … pag. 37

PRATICHE:

  • Esperienze di relazione di Cinzia Romano … pag. 38

A/MARGINE:

MOSTRE

  • Una stagione frizzante per l’arte firmata donna di Anna D’Elia … pag. 39

SINODO

  • Ma di che famiglia stiamo parlando? di Bia Sarasini … pag. 42

CINEMA

  • La prima donna italiana nello spazio di Patrizia Larese … pag. 44

RITRATTI:

LINA BO

  • Un’architetta nella Storia di Claudia Mattogno … pag. 45

PRIMOPIANO:

JUDITH BUTLER

  • L’insostenibile pesantezza del “naturale” di Serena Guarracino … pag. 48

VANDANA SHIVA

  • La maga dei semi di Laura Levi … pag. 51

POESIA

  • Quel legame imprescindibile di Marina Vitale … pag. 53

BIANCA PITZORNO

  • La famiglia, come eravamo di Alessandra Riccio … pag. 55

FRANCESCA D’ALOJA

  • Sedersi accanto di Daniela Matrònola … pag. 56

ISLAM

  • Il potere delle donne arabe di Franca Balsamo … pag. 58

ROMANA PETRI

  • Tutto su mio padre di Maria Vittoria Vittori … pag. 60

CLARICE LISPECTOR

  • La scrittura vivente di Clarice di Elvira Federici … pag. 62

ANNA FELDER

  • L’incerta nostalgia di Silvia Ricci Lempen … pag. 63

SAVERIA CHEMOTTI

  • Realizzarsi oltre il materno di Paola Azzolini … pag. 64

DACIA MARAINI

  • Un maestro e i suoi bambini di Maria Serena Palieri … pag. 65

UNDER15/STRENNE:

STEREOTIPI

  • A tutto gender di Sara Bennet … pag. 66

STORIE

  • Mettere nuove radici, altrove di A.M.C. … pag. 68
  • Finale a sorpresa di S. Be. … pag. 68

LETTURE:

LAURA PARIANI

  • In viaggio con Dino Campana di Maria Vittoria Vittori … pag. 69

GILLY MACMILLAN

  • L’eroe è stanco di Anna Maria Crispino … pag. 69

CATHARINA INGELMAN-SUNBERG

  • Arzilli fuorilegge di Anna Mainardi … pag. 69

MARÍA ZAMBRANO

  • Filosofia in pista di Maria Vittoria Vittori … pag. 70

CRISTINA DOTTO VIGLINO

  • Omaggio alla madre di Anna Mainardi … pag. 70

CELESTE NG

  • La figlia prediletta di Maria Vittoria Vittori … pag. 71

CAMILLA DE CONCINI

  • A spasso con la felce di Anna Mainardi … pag. 71

ROSSELLA MILONE

  • La nonna che ballava il charleston di Francesca Caminoli … pag. 72

CHIARA SANTOIANNI

  • Una tela tutta per sé di Maria Vittoria Vittori … pag. 72

RUBRICHE:

  • Top Five a cura di Luciana Di Mauro … pag. 73
  • News a cura di Giulia Crispino … pag. 74
  • Campagna abbonamenti 2016 … pag. 76
  • Elenco Librerie … pag. 78

ABSTRACTS:

vai su/go to>>> www.leggendaria.it

← Leggi l’editoriale

By

LEGGENDARIA N.114/2015

MIGRAZIONI

NOVEMBRE 2015 — 82 PAGINE

STRENNE/UNDER-15 • TERRE/MUTATE • SINODO • MADRI E FIGLIE • LINA BO • JUDITH BUTLER • VANDANA SHIVA • ROMANA PETRI • CLARICE LISPECTOR

Legg.114-2015 CoverNel clima delle feste di Fine Anno, la copertina di questa Leggendaria potrà forse apparire come un pugno nello stomaco: l’annegamento di tanti migranti nel Mediterraneo – nelle acque dell’Egeo tra Turchia e Grecia o sulle rotte che partono dal Nord Africa – ha assunto ormai una dimensione così drammatica da poter fare legittimamente un paragone con la tragedia dei desaparecidos …

Leggi l’editoriale e il sommario

 

Acquista questo numero online

carrelloIN CARTA: 10,00 Euro

IN PDF: 5,00 Euro