By

LEGGENDARIA N. 123/2017 + SUPPL.

LA MAGNIFICA

JANE AUSTEN

MAGGIO 2017 – 74 PAGINE

«SUPPLEMENTO/mammaNONmamma»

 

« L’Editoriale »

← La Copertina | Leggi il Sommario →

Nel bicentenario della sua morte – e della pubblicazione postuma di Persuasione e de L’abbazia di Northanger che cadrà a dicembre 2017/gennaio 2018 – dedichiamo il nostro “Tema” a Jane Austen, omaggio a una scrittrice amatissima, un genio assoluto che come un buon vino d’annata migliora a ogni nuova lettura. Di lei si è scritto moltissimo, noi abbiamo provato a ricollocarla nel quadro alla luce degli studi più recenti ma anche del crescente fenomeno di popolarizzazione che ne fa una icòna intergenerazionale e multimediale. Vi offriamo una serie di contributi critici e una panoramica delle ultime riscritture per mettere a fuoco il suo doppio profilo, di autrice di classici canonizzati – forse gli unici che si continuano a leggere con sommo piacere – e come oggetto di culto per le/gli Janeites del XXI secolo.

Ci consentiamo un piccolo gesto di autocelebrazione, dopo aver doppiato la boa dei primi vent’anni leggendari, con un articolo di Marina Vitale che analizza il rapporto tra parola e immagini nella nostra rivista. E dedichiamo un approfondito ritratto di Margaret Fuller, figura essenziale alle origini del movimento femminista, firmato da Maristella Lippolis. Alessandra Mecozzi ha intervistato per noi la regista palestinese Mai Masri mentre Marilena Menicucci ci racconta il Colloquio al Marianum sulle donne e la riforma della Chiesa. Elizabeth Bishop, Giulia Niccolai, Stefania Giannotta sono tra le scrittrici che abbiamo messo in “Primopiano”, ma c’ è ovviamente tanto di più in questa sezione e nelle nostre “Letture”.

Infine, troverete allegato a questo numero un librino curato dal “Gruppo del Mercoledì” che fa il punto e rilancia il dibattito sulla maternità e in particolare sulla Gestazione per Altri/e (Gpa): s’intitola mammaNONmamma. Noi ne condividiamo l’intento dialogante nel pieno rispetto dell’autonomia delle scelte del Gruppo.

E dunque, non vi resta che leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *