Leggendaria n. 106 – PDF

 5,00

Categoria:

Descrizione

Non poteva che essere blu, questa nostra Leggendaria estiva. Blu in tutte le sue declinazioni, dal turchese al celeste, nei collage di Marina Cianetti che abbiamo scelto per la copertina e per illustrare le pagine delle nostre Letture. Blu come quel mare cangiante che Anna Maria Ortese tanto amava. A lei infatti dedichiamo l’Apertura del fascicolo, con Maria Vittoria Vittori che ci racconta la sua meno nota attività di poeta e ci regala una poesia inedita del 1937, intitolata, appunto, “Se io vedessi il mare”. Quel mare che bagna Napoli – anche se non sempre, non per tutti, come la stessa Ortese ci ha ricordato – perché la città partenopea è anche scenario in cui si muovono tanti personaggi della Toledana (Monica Farnetti). E in mare trovò la morte giovanissimo Percy B. Shelley, compagno di Mary – l’autrice di Frankenstein – quando si imbarcò da Lerici per raggiungere Viareggio e la tempesta lo colse. La passeggiata letteraria, compreso un tragitto per mare, prevista per il primo fine settimana di settembre ripercorrerà i luoghi di Mary e Percy e dei loro amici, compreso Lord Byron. In bianco e nero è invece lo straordinario docu-film dedicato al massacro di Srebrenica, alle donne che da anni cercano di identificare i loro cari – mariti, figli, padri, fratelli – tra la montagna di ossa ritrovate nelle fosse comuni dove furono gettati i corpi degli 8-10.000 musulmano-bosniaci dell’enclave che doveva essere protetta dai Caschi Blu dell’Onu. Massacro avvenuto quando erano già in corso le trattative che avrebbero portato alla fine della guerra. Massacro che il bellissimo e dolente romanzo di Marco Magini racconta dalla parte di tre personaggi apparentemente minori. Una bella mostra sulle biblioteche dell’antichità, di cui ci parla Jolanda Leccese, ci consente di interrogarci sulla dissennata politica del nostro Paese in materia di beni culturali, mentre Emma Rolla ha visto per noi Maleficent, riscrittura della Bella Addormentata nel Bosco di disneyana memoria, con un finale del tutto diverso e sorprendente. In Primopiano, spazio alla musica, all’opera in particolare, con una carrellata di Barbara Petrucci sulle protagoniste – dalla Serpina di Serva padrona, a Rosina, Susanna, Medea, Norma, fino alla Violetta de La traviata – osservate alla luce del pensiero femminista. Ma sull’opera c’è anche una nuova collana per bambini che vi segnaliamo nelle pagine di Under-15. La veneziana Lucrezia Cornaro fu la prima donna al mondo ad ottenere una laurea: ce la racconta Laura Levi. E zoom su tre poete: Anna Ruchat (Bianca Tarozzi), Nadia Campana (Maria Pia Quintavalla) e Cetta Petrollo (Daniela Matronola). Bia Sarasini torna sul tema delle relazioni e della cura recensendo un bel libro di Carol Gilligan mentre del parto in casa si occupa Nadia Tarantini segnalando l’uscita della trilogia di Jennifer North, cui si ispira una serie della BBC appena arrivata sulla TV italiana. Silvana Maja è andata al convegno dei lacaniani e ha intervistato per noi la psicoanalista Céline Menghi. Romanzi, saggi, memoir e ancora poesia per tutti i gusti nelle nostre Letture, e romanzi anche negli Under-15, compresa la storia di Habiba la Magica firmata da Chiara Ingrao, quella di una grande matematica russa, e tre racconti molto particolari sulle cellule, trattate con penna poetica e visionaria da Chiara Mezzalama. Infine, tra le rubriche, vi segnaliamo l’articolo di Enzo Palmisciano che si e ci interroga su come lavorare con gli uomini che maltrattano le donne. Buona estate e buone letture!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leggendaria n. 106 – PDF”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.