Leggendaria n. 119/2016

 5,00 10,00

OGGETTO BAMBINE

Bimestrale, Anno XX, Settembre 2016 – 76 PAGINE

ISBN 9788862523356

 

«SPECIALE / ILDEGARDA DI BINGEN»

≡ CHARLOTTE BRONTË CARYL CHURCHILL EDOARDO ALBINATI

∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

La copertina e le immagini che accompagnano gran parte di questo “Tema” sono di Nadia Magnabosco, artista che vive e lavora a Milano ed espone in Italia e all'estero in personali e collettive dal 1993. Ha sperimentato nel corso del tempo differenti tecniche e forme artistiche, mantenendo sempre al centro la ricerca, fra il reale e il surreale, sull'identità di genere. Oltre ai pigmenti usa tutti i materiali che la suggestione del momento le suggerisce: vecchie carte, cartoline, cartoni, libri e giornali, fili e stoffe, terre colorate e sabbie, chincaglierie, oggetti e oggettini riciclati o recuperati nei mercatini, con particolare attenzione al passaggio in mani femminili, si legge di lei nel sito www.oltreluna.women.it.

∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

 

ATTENZIONE

Per gli acquisti dei singoli fascicoli dal nostro sito; se si effettua il pagamento con il sistema Paypal, si riceverà una mail con l'indicazione del link e le istruzioni per scaricare il Pdf senza ulteriori interventi da parte nostra; il pagamento con bonifico bancario, invece non ha un accesso automatico e diretto. Consigliamo quindi di comunicarcelo subito in modo che possiamo predisporre l'invio senza aspettare la comunicazione della banca.

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Oggetto Bambine: un titolo che è una sorta di ossimoro concettuale nel richiamare il suo contrario, Bambine Oggetto. Per dire che parliamo – ancora – di loro: le donne che saranno. Quelle che stanno crescendo – ancora – sotto lo sguardo maschile di padri, fratelli, insegnanti, compagni di scuola. Ma anche dentro quell’ambiente immateriale ma potentissimo costruito e alimentato dal sistema dei media e della pubblicità, della moda e dei social, dei fumetti e dalle altre narrazioni seriali. Mentre la cronaca implacabilmente ci racconta di bambine, preadolescenti e giovani donne esposte a molestie, bullismo, violenze fino al femminicidio (o al suicidio), è sull’ambiente in cui questo accade che vogliamo ragionare. Un ambiente che tende a favorire una sessualizzazione precoce delle bambine, una spinta a omologarsi al modello unico della seduzione, del piacere a tutti i costi, un processo di auto-oggettificazione che fa del proprio corpo e della propria sessualità qualcosa di esterno a sé, da giudicare, manipolare, usare. Nessun moralismo: non si vuol qui sostenere l’idea dell’infanzia come età dell’innocenza, né tantomeno negare che ogni bambina a volte “gioca” a fare la donna. Ma l’ipersessualizzazione cui assistiamo è altro: fenomeno relativamente recente e comunque in grande espansione, frutto di manipolazioni da cui spesso non sono escluse le madri, utilizzato alla grande dal “mercato” e dalla comunicazione in ogni sua forma. C’è modo di invertire, contenere, ribaltare questa tendenza? Se i genitori, madri e padri, sono anche loro prigionieri di una illusoria, narcisistica, eterna adolescenza? Se a scuola non si riesce a far passare la necessità e l’urgenza di mettere a tema la sessualità, l’identità di genere, il rispetto delle differenze, l’educazione ai sentimenti? Se non bastano codici di autoregolamentazione sulla comunicazione che assicurino il rispetto di bambine e bambini nella loro “naturale evoluzione”? Per fortuna, non tutti i segnali vanno nella stessa direzione e c’è chi riesce a produrre contro-narrazioni. O a lavorare perché si parta dalla scuole, come sta facendo, tra gli altri e le altre, una organizzazione come Scosse che il 24 e 25 settembre ha tenuto a Bologna il suo III meeting nazionale su “Educare alle differenze”. Ma non bisogna smettersi di interrogarsi per capire, come scrivono Francesca Mazziotta, Monica Pasquino e Maddalena Vianello che hanno curato il nostro Tema, accompagnato dalle immagini di Nadia Magnabosco. 

Dedichiamo il nostro Speciale a Ildegarda di Bingen, straordinaria figura di monaca, mistica e musicista. Mentre nella sezione Incontri trovate una approfondita intervista di Bia Sarasini a Edoardo Albinati, autore del romanzo molto “maschile” che ha vinto il Premio Strega. In Primopiano, c’è solo l’imbarazzo della scelta: parliamo di Charlotte Brontë e di Elizabeth Jane Howard; di Caryl Churchill e dei titoli più recenti su femminismo e postcoloniale; di Wanda Tommasi e Silvia Federici, Laura Lepetit e Eleonora Duse. E in Letture e Top Five ci sono, come di consueto, molti suggerimenti per affrontare l’autunno con una buona scorta di libri.

Informazioni aggiuntive

FORMATO

CARTACEO, ELETTRONICO (PDF)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leggendaria n. 119/2016”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.