Legg.120-2016_cover

Leggendaria n. 120 – PDF

 5,00

SE UNA DONNA DICE BASTA!

Novembre 2016 – 82 pagine

 SPECIALE/POLONIA – La rivoluzione degli ombrelli • PALESTINA – Musica e arte • BANSKY SVELATO • STRENNE PER GLI UNDER-15

∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

In copertina un dettaglio del complesso scultoreo di Gian Lorenzo Bernini Il Ratto di Proserpina eseguito tra il 1621 e il 1622 ed esposto nella Galleria Borghese di Roma. In apertura del nostro Tema (pp. 6-7) il collage di Chiara Corio “BASTA, un artefatto sul femminicidio. Le donne uccise nel 2015”, per gentile concessione dell’artista. Abbiamo evitato ogni immagine di donne vittime di percosse, ferite o pestate, perché non ne condividiamo l’uso in molte campagne contro la violenza.

∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

Categoria:

Descrizione prodotto

L’arte squisita di Bernini, che fa del marmo morbida carne in cui affondano le mani rapaci di un uomo, non tragga in inganno: di stupro si tratta. Abbiamo scelto un dettaglio del Ratto di Proserpina per la nostra copertina, in modo da ricordare a tutte/i noi come il mito, l’arte, la letteratura, i media abbiano raccontato (e tuttora raccontino) una lunga storia di violenza contro le donne dal punto di vista patriarcale. Ma non dovrebbe essere più così: quando una donna dice NO ci si deve fermare. Se una donna dice BASTA bisogna ascoltarla. Nel lungo, articolato “Tema” di questa Leggendaria, curato da Anna Maria Crispino e Silvia Neonato, trovate dati e riflessioni, interviste alle operatrici dei Centri antiviolenza e a un’esponente delle forze dell’ordine, le luci e le ombre dell’intervento istituzionale, una messa a fuoco anche della violenza sui maschi e del ruolo che possono/devono svolgere gli uomini per contribuire a innescare quella grande rivoluzione culturale che da più parti si invoca per invertire la tendenza di un fenomeno complesso e planetario. Femminicidio, abusi, violenza fisica e psicologica non sono però “pensabili” se non si tiene conto anche dei diversi contesti e di come e quanto incidono i modi in cui vengono narrati – dalla stampa, dalla letteratura, dal cinema, dalla Tv, dai social.

Abbiamo preparato questo “Tema” in vista della grande manifestazione delle donne contro la violenza che si terrà a Roma il 26 novembre. Sull’onda non solo della contabilità implacabile delle donne ammazzate da uomini che magari dicevano di amarle, ma anche delle proteste ormai incessanti in tutto il mondo: contro la violenza, ma anche contro leggi che vorrebbero mettere indietro le lancette dell’orologio sull’autodeterminazione femminile. Come in Polonia, dove le donne sono in lotta dall’aprile scorso contro l’intenzione del governo ultraconservatore di rendere ancora più restrittivo l’aborto: ce lo racconta Zuzanna Krasnopolska nello Speciale.

In Primopiano trovate una messe di ottimi libri di e su personagge straordinarie. E poi vi raccontiamo della curiosa “connessione napoletana” dello street artist Bansky. Non potevano mancare le Strenne: attingete a piene mani dalle nostre Letture. E dagli Under-15: per le piccole e i piccoli, ma anche per ragazze e ragazzi cui magari piacciono storie in cui riconoscersi nella difficoltà di crescere.

Non dimenticate che è tempo di abbonarvi alla nostra Leggendaria (il come e il perché alle pagine 66-67).

Buone letture e Buone Feste!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leggendaria n. 120 – PDF”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *