Leggendaria n. 124/2017

 5,00 10,00

PENSANDO IL FUTURO

Bimestrale, Anno XXI, Luglio 2017 – 68 PAGINE

ISBN 9788862523851

 

 ∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

In Copertina: fotogramma da The Handmaid’s Tale (serie Tv 2017)

∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼∼

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

In un presente incerto e pieno di minacce si moltiplicano le paure ma anche gli interrogativi su ciò che ci aspetta: può prevalere l’irrazionalità più cieca oppure si può mettere al lavoro l’immaginazione. Un genere letterario come la fantascienza si è dato da tempo il compito di “pensare il futuro” producendo storie di mondi possibili, utopie o distopie che ci aiutano a ragionare. Sulla natura e le dinamiche del potere, sugli effetti devastanti dei danni ambientali nell’era dell’antropocene, sull’uso della scien­za e delle tecnologie, sulla definizione stessa dell’umano nella relazione con altre specie e con le “macchine”. Tutti temi con cui il pensiero femminista fa i conti da decenni sia con la riflessione teorica e critica che con la produzione letteraria, cinematografica e televisiva. Ne danno conto le studiose del gruppo di lettura “Femminismi futuri” in un dossier che trovate a partire da pagina 13. Al genere distopico appartiene certamente il romanzo di Margaret Atwood Il racconto dell’ancella tornato prepotentemente all’attenzione grazie a una serie televisiva andata in onda negli Usa a partire da fine aprile e di cui parliamo in apertura del nostro “Tema”. L’immagine oramai iconica dell’ancella, mantello rosso e cuffia bianca, è la raffigurazione di un incubo: quello dell’asservimento delle donne alla mera funzione riproduttiva in un futuro prossimo dominato da una gerontocrazia di maschi fondamentalisti e ultrareligiosi. E in un pianeta devastato dallo sfruttamento industriale capitalistico dove una comunità di sopravvissuti si trova davanti a scelte difficili sulla propria umanità è ambientato il recente romanzo di Nadia Tarantini, che si inserisce in una tradizione di fantascienza italiana a firma femminile che andrebbe meglio indagata.

I nostri suggerimenti per le “Letture” estive li trovate nell’ampia cartografia di “luoghi (s)conosciuti” disegnata da Maria Vittoria Vittori ma pescate anche nei volumi e nelle autrici messi in “Primopiano”: da Lisa Ginzburg a Elisabetta Baldisserotto, da Gertrude Stein a una antologia di scrittrici ebree triestine, dalle poete del Cinquecento alla nostra classifica dei “TopFive”. Inauguriamo con questo numero una nuova rubrica “Canto&Controcanto” dove lo sguardo incrociato di due giovani lettrici eccellenti (Laura Marzi e Francesca Maffioli) si misura sullo stesso testo. Nelle pagine di “Under-15” si parla di Beatrice Alemagna (Paolo Breda) e c’è una piccola sorpresa: un “Inedito” di Loredana Metta. 

Buona estate e buone letture, dunque. Appuntamento a fine settembre.

Informazioni aggiuntive

FORMATO

CARTA, PDF